Offrendo il gusto dolce senza alcuna caloria, i dolcificanti artificiali sembrano essere la risposta più efficace per perdere peso. Nelle lattine delle bibite gasate zuccherate in media le calorie sono 150, quasi tutte fornite dallo zucchero. Scegliere di bere queste bibite di zuccheri concentrati sembra una follia.

L’American Heart Association (AHA) e l’American Diabetes Association (ADA) hanno indagato in maniera approfondita sull’uso di dolcificanti artificiali al posto dello zucchero per combattere l’obesità, la sindrome metabolica e il diabete, tutti i fattori di rischio per le malattie cardiache. (Qui puoi leggere la dichiarazione completa .)

Non ci sono dei trucchi segreti. L’uso intelligente di dolcificanti non nutritivi* potrebbe aiutare a ridurre gli zuccheri aggiunti nella dieta. Potrebbe ridurre così il numero di calorie che si mangiano. La riduzione delle calorie potrebbe aiutare a raggiungere e mantenere un peso corporeo sano e di conseguenza abbassare il rischio di malattie cardiache e diabete.

Questo ha dichiarato il dottor Christopher Gardner, professore associato di medicina presso la Stanford University, in un comunicato stampa che accompagna la dichiarazione scientifica.

* Gli edulcoranti che abbiamo esaminato includevano quelli che sono artificiali. Vedi l’aspartame, la saccarina, il sucralosio, il neotame, l’acesulfame K. Nella ricerca era inclusa anche la stevia, uno dei dolcificanti naturali . Il termine “non nutritivo” significa fondamentalmente che questi dolcificanti sono in quantità così piccole che non contribuiscono ad aumentare significativamente le calorie o a rovinare un regime dietetico. Aumentano solo la dolcezza.

Intervistando il dottor David Ludwig, un esperto di obesità e perdita di peso presso l’ospedale Boston Children’s affiliato ad Harvard vengono fuori diverse perplessità sui dolcificanti artificiali. Molti di questi dubbi sono vere e proprie preoccupazioni.

Non tutti i dolcificanti artificiali sono fatti nello stesso modo

La FDA ha approvato cinque dolcificanti artificiali: saccarina, acesulfame, aspartame, neotame e sucralosio. Ha anche approvato un  dolcificante naturale a basso contenuto calorico: la stevia. Come il corpo umano e il cervello rispondono a questi dolcificanti è molto complesso.

Una preoccupazione è che le persone che usano dolcificanti artificiali possano sostituire le calorie perdute attraverso altre fonti. Probabilmente rendendo vani gli sforzi per perdere peso o i benefici per la salute, dice il dottor Ludwig. Ciò può accadere perché ci piace ingannare noi stessi: “Sto bevendo la bevanda dietetica, quindi posso mangiare una bella fetta di torta”. L’AHA e l’ADA hanno ovviamente aggiunto questo avvertimento nelle loro raccomandazioni.

I dolcificanti artificiali cambiano la percezione del gusto

È anche possibile che questi prodotti modifichino il modo in cui gustiamo il cibo. “Gli edulcoranti non nutritivi sono molto più potenti dello zucchero da tavola e dello sciroppo di mais con alto contenuto di fruttosio. Un importo minuscolo produce il gusto dolce paragonabile a quello dello zucchero ma senza calorie.

L’iperstimolazione dei recettori zuccherini data un uso frequente di questi dolcificanti molto intensi, può limitare la tolleranza per i gusti più complessi “, spiega il dottor Ludwig. Ciò significa che le persone che usano abitualmente dolcificanti artificiali, possono iniziare a trovare alimenti come la frutta meno dolci e insipidi. Si diventa meno curiosi per i cibi differenti e le stesse verdure possono risultare addirittura disgustose.

In altre parole, l’uso di dolcificanti artificiali può interferire con l’assunzione di alimenti sani, riempitivi e altamente nutrienti. Si rischia di consumare più alimenti artificiali con meno valore nutrizionale.

Gli edulcoranti artificiali possono tendere altri inganni. La ricerca suggerisce che essi possono impedire di associare la dolcezza all’aumento di apporto calorico. Ne consegue che si desiderino altri dolci, si tenda a scegliere cibi dolci e calorici rispetto ai cibi nutrienti con basso indice glicemico. I partecipanti allo studio del San Antonio Heart Study che bevevano più di 21 bevande dietetiche alla settimana avevano due volte più probabilità di essere in sovrappeso o obesi rispetto a persone che non bevevano bibite dietetiche.

Qualcuno sostiene di poter smettere di assumere alimenti dietetici quando vuole !? Non dovrebbe esserne così sicuro. Studi sugli animali suggeriscono che i dolcificanti artificiali possono dare dipendenza . Negli studi sui ratti che sono stati esposti alla cocaina, a cui è stata data una scelta tra cocaina o saccarina orale, la maggior parte di essi ha scelto la saccarina .

Qual è la tua definizione di sicurezza?

Se i dolcificanti non nutritivi sono sicuri, dipende dalla definizione di sicurezza che si dà. Gli studi che hanno portato all’approvazione da parte della FDA hanno escluso il rischio di cancro, in quasi tutti i casi. Tuttavia, questi studi sono stati fatti utilizzando quantità molto più piccole di bibite dietetiche rispetto ai 70 cl al giorno consumati mediamente da molti consumatori.

Non sappiamo davvero quali effetti avranno le grandi quantità di questi prodotti chimici nei prossimi anni.

E poi ci sono altre preoccupazioni per la salute, al di là del cancro. Nello studio multietnico di aterosclerosi , il consumo giornaliero di bevande dietetiche è stato associato ad un rischio maggiore del 36% per la sindrome metabolica e ad un aumento del rischio del diabete di tipo 2 del 67%. Non sono proprio queste malattie che i dolcificanti artificiali dovrebbero aiutare a prevenire?

Ritorno allo zucchero?

Forse lo zucchero non è affatto male dopo tutto, ma il dottor Ludwig precisa:

Gli alimenti contenenti zucchero nella loro forma naturale, per esempio nella frutta, tendono ad essere altamente nutrienti. Sono densi di nutrimenti, con molte fibre e a basso contenuto glicemico. D’altra parte, lo zucchero raffinato concentrato consumato in grandi quantità aumenta rapidamente i livelli di glucosio e insulina nel sangue; aumenta i trigliceridi; i mediatori infiammatori e i radicali dell’ossigeno; pertanto il rischio di diabete, malattie cardiovascolari e altre malattie croniche può aumentare.

Che dite? A questo punto un bicchiere d’acqua e una mela sono molto meglio!

Articolo adattato e tradotto dalla fonte Harvard Health Publications .

Dolcificanti Artificiali: senza zucchero ma a quale costo?
5 (100%) 12 votes

Le persone stanno anche leggendo