Una vacanza dedicata allo sci è un grande momento per cercare relax e passare del tempo con gli amici e condividere una passione comune per lo sci in famiglia e le altre attività sportive invernali.
Quando si parte per una settimana bianca, andando in vacanza all’estero o spostandoci dalla nostra regione, si sperimentano diversi stili di vita e si gustano i prodotti locali tipici della zona che si sta visitando.
Se stai andando con la famiglia o con un gruppo di amici, sai bene che il dopo-sci e i pasti della sera giocheranno un ruolo importante nella quantità di cibo e alcol che consumerai ogni giorno, d’altronde anche questo aspetto è parte importante della propria vacanzina sulla neve!
Se le cose stanno così quindi, il pasto più importante della tua giornata sarà la colazione, questo ti permetterà di non rovinare la tua giornata sugli sci. Una colazione ricca è importante ma non dev’essere grassa.

Alimentazione Sci: le cose da considerare per un’alimentazione sportiva corretta

Lo sci è un’attività molto faticosa, anche perché avviene ad una quota superiore rispetto a quella in cui si è abituati a vivere in più è un’attività sportiva svolta in un ambiente freddo.

Questi due fattori sono molto importanti e devono essere presi in seria considerazione al fine di evitare problemi fisici e lesioni.

Alta Quota:

il tuo corpo si adatta alla maggiore altitudine e alla ridotta quantità di ossigeno nell’aria in vari modi;

  • Aumento della ventilazione polmonare
  • Aumento della frequenza cardiaca
  • Aumenta la produzione di globuli rossi

Questi sono solo alcuni dei fattori più importanti. Per questo motivo il consiglio è quello di prendere il primo giorno della tua vacanza in maniera molto easy 😉 permettendo al tuo corpo di adattarsi lentamente alle mutate condizioni, evitando il rischio di mal d’altitudine e possibili lesioni.

Temperature fredde:

stando fuori al freddo, il tuo corpo deve lavorare di più per cercare di mantenere la sua temperatura interna a 37 gradi. Le temperature fredde causano anche disidratazione del corpo. Così spesso ti sarà capitato di sentire: “Fa freddo, non ho bisogno di bere acqua” oppure: “Meglio se non bevo l’acqua, altrimenti poi ho bisogno di fermarmi per fare pipì”.

E’ noto che il corpo è costituito da una grande percentuale di acqua e che la maggior parte di noi non si idrata adeguatamente in ambienti freddi.Una piccola bottiglia di acqua deve essere sempre portata con se si scia, devi avere la possibilità di sorseggiare spesso mentre sei in coda per accedere alle piste o mentre sei seduto in seggiovia. La disidratazione a causa del freddo è una preoccupazione significativa in  inverno come dimostra lo studio, tanto quanto nel periodo di calore estivo. Dovresti evitare di consumare alcolici con un tempo freddo poiché l’alcool ha effetto diuretico e quindi accelera la disidratazione, oltre che dilatare i vasi sanguigni e aumentare la dispersione di calore corporeo.

Tenendo presente di questi fattori descritti sopra , diamo un’occhiata a ciò che possiamo fare per ottimizzare la nostra prima colazione per lo sci.
Al mattino la tua colazione pre-sci dovrebbe consistere principalmente in carboidrati
complessi: cereali, pane, muffin, biscotti, un sacco di frutta fresca e succhi di frutta oppure orzo.
Evita cibi molto grassi come pancetta, uova fritte, salsicce e altri cibi fritti (anche se il modello di breakfast anglosassone qui da noi non attecchisce molto). Il cibo salato e saporito assorbe l’acqua dal corpo e, come ho detto  prima, devi cercare di prevenire la disidratazione, il più possibile.

alimentazione-sci

Questa colazione ti appare gustosa e sicuramente lo è, ma è molto grassa e per il tuo corpo è parecchio disidratante.

Mangia cibi che vengono digeriti in fretta e che  rilascino energia lentamente, ti sentirai più forte e sarai in grado di sciare al meglio e per un periodo di tempo più lungo. Considera che puoi addirittura arrivare a utilizzare il 25% della tua energia corporea solo per digerire cibi pesanti; ovviamente tutto questo a discapito della prestazione sportiva, che sia sci o qualsiasi altro sport.

Portati dietro qualcosa da mangiare sempre: banane, frutta essiccata, barrette di cereali, paninetti con un po’ di marmellata, tutti quei cibi che non occupano molto spazio e sono ricchi di glicogeno e poveri di grassi.

Alimentazione Sci e Esempi di Colazione

Bevi molta acqua, non appena ti svegli. alimentazione-sci-colazione
Bevi una spremuta di arancia.
Insalata di frutta miscelata con cereali

Frullati di Banana – Kiwi – Fragole senza latte o con latte scremato o latte di soia
Porridge in acqua o latte scremato con frutta o miele. Porridge di avena con mandorle e frutta fresca (guarda come prepararlo).
Cerca di evitare i grassi, gli alimenti salati e i prodotti lattiero-caseari molto lavorati.

Se non si riesci a cambiare completamente le abitudini della prima colazione, o se non puoi fare a meno del tuo cappuccino con croissant, tenta almeno di farti una macedonia di frutta, una spremuta o anche un frullato, che contengono liquidi e sostanze nutritive, per evitare che il tuo corpo si disidrati mentre scorrazzi tra le piste di sci. sci-alimentazione-sportivaCambiare le nostre abitudini alimentari delle volte si può rivelare davvero difficile da attuare sopratutto quando si è in vacanza e ci si vuol dare alla pazza gioia.

Se proprio non resisti a mangiare “schifezze”, basta che tu lo faccia a partire dal pomeriggio in poi, quando la giornata di sci è ormai verso la conclusione. In questo modo riuscirai a ottenere il massimo dalla tua vacanza, sentendoti pieno di energia per sciare tutto il giorno, senza rinunciare a tutte le tue abitudini alimentari (che se sono poco sane dovresti abbandonare 😉 ) e alla curiosità per i nuovi cibi locali.

Alimentazione Sci: quella corretta per rendere meglio
5 (100%) 5 votes

Le persone stanno anche leggendo